Donare è Vita
 La Fenice

Associazione Nazionale Trapiantati di Fegato Verona ONLUS 

Natale 2014

Santo Natale 2014

Ritrovarsi in occasione del Santo Natale è sempre una grande emozione: i sorrisi, le strette di mano, le parole e le preghiere rivolte all’unisono in una chiesa che ci ricorda l’apparizione della Vergine Maria … tutto concorre a creare un’atmosfera unica. Quest’anno eravamo davvero una piccola folla e ciascuno di noi, sono certa, ha trovato il modo di ringraziare la Madonna e di chiederLe, con umiltà, la grazia di avere ancora tanto tempo per vivere serenamente in salute.

Dopo la Santa Messa ci siamo riuniti al ristorante per la consueta parte conviviale dei nostri incontri e anche quest’anno il pranzo è stato animato da una pesca di beneficienza quasi “miracolosa” condotta magistralmente da Giancarlo che, per questa volta, ha avuto per aiutante un “apprendista stregone” in piena regola, talmente sveglio ed efficiente da farci pensare che, in mancanza d’altro, potrebbe avere un grande futuro in quest’ambito!

Alla fine della giornata il dottor Donataccio ha preso la parola ma non è stato solo per auguraci buon Natale: con voce emozionata ci ha reso partecipi della sua decisione di andare in pensione. Per tanti anni il “nostro” dottore ci ha curato , accompagnato e sostenuto con tenacia e pazienza, giorno e notte e, sebbene dispiaciuti per quanto sentito, siamo tutti ben consapevoli che mai come nel suo caso un po’ di riposo sia davvero meritato.

Grazie per tutto quello che ha fatto per Lorenzo, Laura, Maria, Alberto, Giuseppe, Antonio, Anna, Roberto…per tutte le mogli, i mariti, i figli che, a lungo e intensamente, hanno sofferto e gioito con i propri cari trapiantati.

Grazie per essere stato sempre presente come amico oltre che come medico, per averci confortati oltre che curati.

Grazie per il tempo che ci ha dedicato. Per questo ringraziamo di cuore anche Rossana, perché sappiamo che il tempo che il dottore ha donato a noi era spesso rubato a lei.

A nome di tutti i trapiantati auguro al dottor Donataccio di godersi appieno il suo meritato riposo e di vivere la gioia di prendere tra le braccia il suo primo nipotino ogni volta che vorrà, senza fretta! Con la speranza che il “nostro” dottore non si dimentichi mai di noi, concludo con due massime del Dalai Lama che, mi pare, possono ben rappresentare la vita di tutti noi:

“Il sentirsi responsabili, coinvolti, impegnati, ci induce ad avvertire una profonda emozione, a sviluppare un grande coraggio” (XVI Dalai Lama)“Impegniamoci a riconoscere la preziosità di ogni singolo giorno” (XVI Dalai Lama).

[clicca sulle immagini per visualizzare la galleria]